Il Borghetto

 

 

  • a
  • b
  • c
  • d
  • e
  • f
  • g
  • h
  • i
  • l
  • b
  • c
  • d
  • d_1
  • e
  • f
  • g
  • h
  • i
  • l
  • m
  • a
  • b
  • c
  • d
  • e
  • f
  • g
  • h
  • i
  • 1
  • 10
  • 11
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9

 

Nel 2011 la famiglia Maschio, con l'ausilio dell' arch. Ernesto Cenere, ha ristrutturato con grande cura e amore, un antico borghetto del 600' riutilizzando e valorizzando i materiali presenti per mantenere l'atmosfera e il romanticismo originari. Spiccano i soffitti con i travoni in legno, le pareti di sasso a facciavista, non manca l'ineguagliabile calore dei caminetti. I pavimenti sono in antico cotto veneto e legni pregiati. Gli arredi sono classici ed eleganti. Le originarie e spesse mura perimetrali vi offrono un piacevole fresco estivo e un confortevole tepore nelle sere d'inverno. Dalle finestre godrete di una magnifica vista sulle colline.
La struttura ricettiva extra-alberghiera rappresenta una soluzione ottimale sia per trascorrere le vacanze, sia per soggiorni di lavoro. Essa è ubicata in un contesto affascinante che si inserisce armoniosamente in una zona collinare altamente attrattiva, dalle forme morbide e i colori unici. La zona adiacente si presta a piacevoli passeggiate naturalistiche.
Ogni residenza (140/170 mq) a tre piani, è dotata di ampie cucine, due camere, salotti, mansarda, angoli per il relax, servizi. Ognuna è adatta ad ospitare comodamente da quattro a sei persone.
Quattro "Residenze d'autore" dagli spazi generosi, ricche di personalità, eleganti, confortevoli e soprattutto capaci di evocare inebrianti emozioni.


Residenza Duse 

Residenza Canova 

Residenza Giorgione 

Residenza Palladio

Adiacenti ma totalmente autonome, le quattro ampie dimore, affacciano a sud su un' antica corte, oggi diventata giardino comune impreziosito da un'ulivo secolare. Il lato nord offre spazi per il relax: qui si può godere di vedute idilliache e spazi dove lo sguardo si perde e l'animo s'inebria: parliamo dei dolci pendii dei colli asolani. Scorci che furono tanto amati anche dal celebre scrittore castellano Giorgio Saviane che proprio a pochi metri dal Piccolo Borgo Antico scelse di vivere alcuni anni della sua vita.

  • retro2